top of page

Le Domus de Janas Decorate

Aggiornamento: 18 nov 2020

Le domus de janas (nome attribuito dalla tradizione popolare sarda a questo tipo di sepolture e adottato successivamente nella letteratura scientifica) sono grotticelle artificiali utilizzate come sepolture dalle genti neolitiche e dell’età del Rame, tra la fine del V, il IV e il III millennio a.C. Allo stato attuale delle ricerche sono state documentate nell’isola più di 3000 domus de janas e possono presentarsi isolate o raggruppate in necropoli, a volte molto estese, come quella di Montessu-Villaperuccio (circa 40 sepolture) e Anghelu Ruju-Alghero (37 ipogei). Alcune domus de janas sono arricchite al loro interno da elementi figurativi - scolpiti, incisi o dipinti - che imitano quelle componenti architettoniche che dovevano caratterizzare le abitazioni dei vivi: pilastri, soffitti, cornici, banconi, focolari. Altri ipogei, poi, si segnalano per la presenza di elementi magico-religiosi, quali protomi taurine, false porte, spirali e l’uso dell’ocra rossa per la pittura delle pareti, che dovevano accompagnare e custodire l’esistenza ultraterrena dei defunti.

Video documentario sulle Domus de Janas decorate

Realizzato in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Sassari



22 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page